|  |  |  | 

 
Chi siamo Il Progetto Gli autori Collane Distribuzione in libreria Catalogo News

 
Operazione Idigov
Come il Partito Radicale ha sconfitto la Russia di Putin alle Nazioni Unite

Autore : Marco Perduca
Collana : Reference

ISBN : 978-88-95284-37-8
Anno di pubblicazione: 2014

Pagine : 272
Formato : 14 x 21
Prezzo : € 18

acquista questo libro

_________

Quarta di copertina :

Il Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito è affiliato al Consiglio Economico e Sociale delle Nazioni Unite dal 1995. Nella primavera del 2000, la Federazione russa di Vladimir Putin ne chiese l’espulsione per aver fatto parlare davanti alla Commissione diritti umani di Ginevra il parlamentare ceceno Akhyad Idigov.
Attraverso la pubblicazione di documenti ufficiali, memorandum interni del Partito e ricordi personali di Marco Perduca, all'epoca rappresentante radicale all’Onu, Operazione Idigov ripercorre le iniziative istituzionali, politiche e parlamentari messe in atto tra Roma, Bruxelles e New York perché l’Onu rigettasse la richiesta russa.
Pur non volendo essere un manuale di lobby questo libro rappresenta un documento unico nel suo genere poiché racconta come un’organizzazione non-governativa sia riuscita a mobilitare decine di paesi a sostegno non solo di se stessa ma anche di quello che negli anni aveva rappresentato all’Onu: un partito al servizio dei silenziati e degli oppressi di mezzo mondo.
Negli anni, il Partito Radicale è riuscito a mobilitare con successo l’opinione pubblica transnazionale nel perseguimento di obiettivi di rilevanza globale come la creazione dei tribunali ad hoc per la ex Yugoslavia e il Ruanda, l’istituzione della Corte penale internazionale, la proclamazione di una Moratoria Universale della pena
di morte e la messa al bando delle mutilazioni genitali femminili.
Operazione Idigov si chiude sollevando un interrogativo: cosa succederebbe oggi se un altro Stato membro
delle Nazioni Unite attivasse nuovamente la procedura di sanzione nei confronti del Partito Radicale.

Note
Introduzione di Emma Bonino.