|  |  |  | 

 
Chi siamo Il Progetto Gli autori Collane Distribuzione in libreria Catalogo News

 
Marion, vita da spia
I processi italiani di una ballerina ungherese tra fascismo e riconciliazione post-bellica

Autore : Andrea Maori
Collana : Controluce

ISBN : 978-88-95284-38-5
Anno di pubblicazione: 2014

Pagine : 96
Formato : 14 x 21
Prezzo : € 10

acquista questo libro

_________

Quarta di copertina :

Il 3 dicembre 1939, Maria Keller de Schleitheim, ventiseienne cittadina ungherese, ex artista di varietà, poliglotta, di nobili origini svizzere, viene arrestata a Napoli con l’accusa di spionaggio militare a favore della Francia a danno dell’Italia. Il Tribunale speciale per la difesa dello Stato - massima espressione della repressione del regime fascista - la condanna a venticinque anni di reclusione, sebbene dall’istruttoria si evinca la scarsa importanza delle notizie passate all’intelligence francese. Per l’espiazione della pena viene scelto il carcere femminile di Perugia, carcere di massima sicurezza famoso per la detenzione di molte detenute politiche e per reati legati allo spionaggio.
Nel marzo 1944, Armando Rocchi, prefetto repubblichino di Perugia, organizza il rapimento della giovane Maria, poco dopo averla incontrata in ufficio per discutere della domanda di grazia presentata nel giugno 1940 e respinta dal Ministero dell’Interno. Il rapimento viene orchestrato per consentire alla Keller di infiltrarsi nelle bande partigiane che agivano nell’Appennino umbro-marchigiano, in modo da poter fornire informazioni utili alle operazioni di rastrellamento, allora in corso, da parte dei fascisti della Repubblica sociale italiana e dei tedeschi, loro alleati. Ma questa è la strada che condurrà la giovane verso un triste destino.
Attraverso uno studio paziente di documenti d’archivio, Maori ricostruisce i passaggi della controversa vicenda che si svolge attraverso alcuni nodi cruciali della seconda guerra mondiale: dallo spionaggio militare alle dinamiche interne della lotta di Resistenza per passare alla gestione della giustizia post-fascista.

Note
In coda al volume una interessante testimonianza di Furio Ferruccio Benigni – appassionato studioso della brigata San Faustino, membro dell’ANPI, già sindaco di Pietralunga – sulla lotta partigiana tra Umbria e Marche, nella quale vengono riportati nomi e fatti che arricchiscono la ricerca di Maori. Il libro è arricchito da alcune foto d’epoca della Keller, del suo ambiente familiare, e delle altre detenute nel carcere di Perugia.